Un piano di social media marketing per hotel: ecco i punti salienti

Articolo scritto da Argomento: Strategie di marketing 0 Commenti

social media marketing per hotel
Tempo di lettura: 3 minuti

Tutti gli albergatori desiderano più clienti, più camere piene, più entrate. Per fare questo, però, è necessario che il nome dell’hotel – il suo brand – sia largamente conosciuto dal pubblico e questo vale per tutti, persino per i colossali Hilton, Ritz e Marriot che, forti di una fortissima tradizione, continuano comunque a fare branding online. Il luogo più efficace per far conoscere la propria attività, oggigiorno, sono senza ombra di dubbio i social media, e quindi Facebook, Instagram, Twitter e via dicendo. Da qui, dunque, la necessità di impostare un efficace piano di social media marketing per hotel, da seguire ogni giorno.

Ma a cosa serve il social media marketing per hotel? Ebbene, va precisato che le piattaforme social non sono degli strumenti di vendita, o meglio, lo sono solo in piccolissima parte. Questi canali, infatti, devono essere utilizzati soprattutto per condividere contenuti, per creare brand awareness e per rendere desiderabile la propria struttura.

Impossibile procedere alla cieca e pretendere di raggiungere dei risultati: senza una chiara strategia di social media marketing per hotel, si finisce infatti per pubblicare contenuti casuali e incoerenti, che non possono in nessun modo comunicare al pubblico un’immagine efficace del tuo albergo.

Come si compone dunque un piano efficace di social media marketing per hotel? Ecco i punti fondamentali per impostarlo e iniziare già da domani a muoversi in modo razionale!

10 tips di social media marketing per hotel

1- Resta al passo con i trend del momento

Fare social media marketing per hotel o per qualsiasi altro tipo di realtà significa dover seguire continuamente i trend del momento. Questo perché i social media non sono delle entità statiche nel tempo, ma anzi, sono degli universi in continua evoluzione: quello che funzionava ieri potrebbe non funzionare domani. Ad oggi, stando ai numeri, i live video costituiscono sicuramente il trend che va per la maggiore su Facebook. Ma non era affatto così qualche tempo fa, e probabilmente non sarà così nemmeno in un futuro piuttosto vicino.

Leggi anche:  Quali sono i pro e contro del programmatic advertising?

2- Fissa degli obiettivi precisi

Qualsiasi piano deve avere una meta precisa alla quale tendere, e questo vale ovviamente anche nel caso del social media marketing. Quali sono i tuoi obiettivi? Vuoi diffondere il tuo brand? Vuoi offrire un migliore servizio di customer care? O magari vuoi sfruttare Facebook come ulteriore canale di vendita online? Qualsiasi sia la tua decisione, la tua strategia di social media marketing per hotel deve essere modellata su di essa.

3- Individua il tuo target

Chi è il cliente ideale del tuo albergo? Stiamo parlando di un agriturismo pensato per giovani coppie in fuga romantica o di un hotel che strizza l’occhio ai gruppi organizzati? In base al tuo pubblico target dovranno cambiare non solo i contenuti condivisi, ma persino – in certi casi – le piattaforme da utilizzare.

4- Instaura un dialogo autentico con gli utenti

Il vantaggio dei social media è quello di potersi mettere in contatto diretto con i tuoi potenziali clienti, ed è questo che li distingue maggiormente dai vecchi media mono-direzionali. Perché non sfruttare questa opportunità, invitando gli utenti a dialogare attivamente con te?

5- Sii coerente

Come vedremo tra poco, non tutti i post devono parlare del tuo hotel, anzi. Tutti, però, devono essere coerenti con il tuo brand. Lo stile, dunque, deve essere unico e facilmente riconoscibile, e deve essere tale su tutti i tuoi profili social, così come sul sito web del tuo albergo.

6- Non essere egocentrico

Come anticipato, non tutti i post devono parlare della tua struttura. Anzi: puoi promuovere il tuo territorio e le iniziative locali e, di tanto in tanto, puoi scostarti anche da questi topic, condividendo dei contenuti che hanno il solo e unico scopo di creare engangement, senza alcun tipo di movente promozionale, nemmeno indiretto.

7- Sii originale, ma non perdere di vista i concorrenti

Anche i tuoi diretti competitors, ovvero gli altri alberghi nelle tue vicinanze, sono molto probabilmente presenti sui social network. Come si muovono? Cosa condividono con i loro utenti? Quale tono usano? Seguirli non ti servirà certo per copiare la loro strategia di social media marketing per hotel, quanto invece per distinguerti e, in caso, per imparare dalle loro vittorie e sconfitte.

Leggi anche:  Differenza tra search intent e keywords correlate

8- Trasmetti lo spirito del tuo hotel

Gli utenti vogliono capire quali sono le caratteristiche che rendono unico il tuo albergo. Per fare questo, però, non serve a nulla dire semplicemente che il tuo hotel ‘è il migliore, con una vista stupenda e della camere bellissime’. No, gli utenti stessi vogliono capire l’anima della tua struttura, e lo faranno grazie alle foto, ai video, alle testimonianze e ai dettagli che pubblicherai giorno dopo giorno.

9- Non smettere mai di testare

Non è pensabile mettere in campo un piano di social media marketing per hotel efficace senza testare nuove idee, monitorando le loro performance: talvolta certe iniziative ci sembrano particolarmente buone, quando in realtà, alla prova dei fatti, si dimostrano deludenti. Ma per capirlo e cambiare rotta in tempo è necessario controllare i risultati di ogni nostra attività!

10- Pubblica il giusto

Il tuo hotel non può avere una pagina Facebook deserta, che non viene aggiornata per mesi e mesi. L’utente, in questi casi, non potrebbe che associare a quel profilo online un albergo trasandato, o ancora peggio chiuso. Non bisogna però nemmeno esagerare: gli utenti che riceveranno troppi aggiornamenti da parte del tuo albergo, infatti, potranno legittimamente pensare di togliere il like dalla tua pagina, così da non vedere più nessuno dei tuoi assillanti post.

Commenta questo post

Filippo Sogus

Filippo Sogus

CEO di Be-We srl & SEO Specialist

Filippo è SEO Specialist di professione, esperto in tecniche SEO nel settore e-commerce, editoriale e turistico. Segue diverse aziende nazionali, leader del mercato e investimenti sul web.

Grazie alla collaborazione con numerose aziende e all’esperienza SEO maturata in diversi settori, Filippo sfrutta i motori di ricerca per incrementare il fatturato delle aziende.