Articolo scritto da Argomento: Google Ads Advertising, Marketing per hotel 2 Commenti

Guida Google Adwords creare la campagna per il tuo hotel
Tempo di lettura: 4 minuti

Oggi è sempre più indispensabile rendere visibile la propria struttura ricettiva nei primi risultati di ricerca su Google, sia essa un Hotel di lusso, oppure un piccolo B&B. Per farlo, la piattaforma di Google Ads (oltre ad una buona strategia SEO) è uno strumento vincente per dare la giusta visibilità alla nostra struttura ricettiva e aumentare rapidamente le prenotazioni dirette.

Se sei un albergatore, questa guida base ti aiuterà, passo dopo passo, a creare in pochi semplici click una campagna efficace su Google Ads per il tuo Hotel.

Attenzione però: questa guida non può sostituire l’attività svolta da una vero professionista di Adwords, ma potrà fornirti gli elementi base per capire come creare una campagna specifica per il settore turistico.

Possiamo iniziare!

Requisiti fondamentali per una Campagna Ads

Devi sapere che su Google vengono effettuate più di 3 milioni di ricerche al giorno e gran parte di queste sono strettamente correlate al settore turistico. Ecco perché la realizzazione di una campagna su Google Ads può raggiungere un successo davvero considerevole, in quanto intercetta il turista nel momento in cui svolge una specifica ricerca, quindi nel momento in cui si vuole soddisfare un effettivo bisogno.

Prima di iniziare a creare la nostra campagna, devi sapere che ci sono 3 requisiti indispensabili  per rendere quanto più efficace la campagna:

  • Sito Web responsive e moderno: al di là degli aspetti tecnici, un sito moderno e chiaramente visibile dai dispositivi mobili stimola il turista alla prenotazione, molto più di quanto potrebbe fare un sito vecchio e non responsive. Un sito mobile friendly, un caricamento delle pagine rapido, immagini di alta qualità e call to action per la prenotazione sono fattori imprescindibili, anche per poter concorrere alla pari con gli altri tuoi competitors.
  • Booking Engine per la prenotazione: è ciò che rende il tuo sito un canale di vendita, in quanto permette al turista di prenotare il suo soggiorno e ottenere il preventivo in modo immediato.
  • Google Analytics: questo strumento gratuito, anch’esso messo a disposizione da Google, ti aiuterà a monitorare e tener d’occhio tutte le prenotazioni che vengono effettuate sul tuo sito e il canale da cui provengono. Inoltre, ti consente di verificare il traffico utenti, quali pagine vengono visualizzate e la frequenza di rimbalzo. Dati statistici di cui non puoi proprio fare a meno, mi raccomando 😉

Come creare la prima campagna Ads per hotel

Ok andiamo dritto al sodo e creiamo la nostra campagna su Google Ads!

Ipotizziamo di essere proprietari di un piccolo Hotel sul mare a Cagliari con il servizio di SPA: Hotel Conchiglia di Mare, un po’ scontato ma efficace!

Leggi anche:  Come fare e-mail marketing per hotel

Per realizzare una campagna Ads dovrai creare un account pubblicitario, accedendo al portale che trovi a questo link, dove inserirai alcuni dati personali, i dettagli di fatturazione e il collegamento ad un account Google (se non lo hai, all’interno della piattaforma ti sarà data la possibilità di crearlo).

Google Adwords - schermata di benvenuto

Creiamo finalmente la nostra prima campagna pubblicitaria scegliendo il tipo “Rete di ricerca con selezione display”. Perché proprio questa tipologia? Questo tipo di campagna ti permette di intercettare gli utenti mentre effettuano le loro ricerche su Google o mentre visitano altri siti web, quindi una più elevata possibilità di raggiungere persone interessate.

Rete di ricerca con selezione Display

Ora dovrai scegliere la geolocalizzazione della tua campagna, ovvero la località in cui si trovano gli utenti a cui intendi mostrare il tuo annuncio. Quando effettui una targetizzazione per località, devi riflettere attentamente su chi rivolgere la tua pubblicità: l’hotel dell’esempio si trova a Cagliari, quindi è verosimile pensare che mostrare l’annuncio a chi vive a Cagliari non ha molto senso, a meno che l’Hotel non consenta l’accesso alla SPA anche agli esterni! In questo caso avrebbe senso realizzare una seconda campagna per chi non deve soggiornare, indirizzandola a chi vorrà acquistare semplicemente un accesso in SPA.

Quindi, nella voce Località Target inserisci “Italia”, poi clicca su aggiungi e scrivi “Cagliari”, selezionando la voce Escludi poco più a destra.

Target località Google Adwords

Adesso passiamo al targeting per lingua: sebbene Google Ads ti proponga la selezione di più lingue, il mio consiglio è di creare campagne differenti, ognuna verticalizzata su specifici paesi e lingue. In questo modo mostrerai l’annuncio esatto e la pagina corretta al tuo utente, evitando ogni possibile errore di sorta e monitorando al meglio dati e statistiche.

Targeting Lingue Google Adwords

Nella sezione della strategia, non posso suggerirti quale tipo di strategia selezionare, perché è strettamente dipendente dai tuoi obiettivi. Nell’esempio che ti propongo, il mio intento è quello di portare traffico al sito, far conoscere l’Hotel e, potenzialmente, aumentare la probabilità di ricevere prenotazioni dirette o richieste di informazioni sui servizi offerti, magari la SPA.

Strategia Massimizza i Clic Google Adwords

Per questo motivo, la scelta ricade su Massimizza i Clic e impostiamo un budget giornaliero di 10€, che consiste nella cifra che siamo disposti a spendere quotidianamente per portare clic. Ricorda bene che verranno prelevati soldi solo, ed esclusivamente, quando l’utente farà clic sul tuo annuncio!

Abbiamo quasi finito 😀

Ora dovrai selezionare, o meno, le estensioni annuncio: non sono altro che ulteriori voci che vengono inserite nell’annuncio e permettono di mostrare l’indirizzo e il numero di telefono dell’attività nell’annuncio, inserire link supplementari a pagine specifiche del tuo sito web. Anche in questo caso, è facoltativo inserire o meno queste estensioni, sebbene aumentino notevolmente la probabilità di ricevere clic (che verranno conteggiati come click standard sull’annuncio).

Leggi anche:  Pubblicità online: meglio Google Ads o Facebook Ads?

Una volta premuto su Salva e Continua, Google Adwords ci porterà allo step successivo in cui dovremo dare un nome al gruppo di annunci e scegliere le parole chiave per la quale vogliamo che il nostro annuncio appaia agli utenti.

Questo è sicuramente il momento più importante dell’intera campagna, per questo è necessario svolgere un’analisi per individuare le keywords con maggiore tasso di conversione, possibilmente con meno concorrenza e che allo stesso tempo possano portarci più traffico verso il sito. Per questo, Google Ads mette a disposizione il Keyword Planner, di cui ho spiegato come usarlo in questo precedente articolo.

Spesso gli inserzionisti utilizzano parole chiave troppo generiche, che rendono il traffico poco qualificato; altri ancora utilizzano keywords molto specifiche, che aumentano notevolmente il costo per clic in quanto la concorrenza è più alta.

Nel nostro esempio abbiamo pensato di puntare su ricerche inerenti alla ricerca di:

  • hotel a cagliari
  • hotel sul mare a cagliari
  • hotel con spa a cagliari

Keywords campagna Google Adwords

La campagna è ormai agli sgoccioli e l’Hotel Conchiglia di Mare sta per lanciare la sua prima campagna su Google Ads!

Non ci resta che creare l’annuncio inserendo un titolo accattivante, breve, convincente e che invogli l’utente a fare click sull’annuncio. Quest’ultimo deve essere estremamente pertinente con il contenuto della pagina di destinazione, magari una specifica landing page creata ad hoc per la campagna.

Ecco un esempio:

Creare annuncio Google Adwords

Completato l’ultimo passaggio per confermare l’intera procedura, la tua campagna verrà lanciata e sarà finalmente online!

Non ti resta che provare e spero che questa guida ti sarà utile per raggiungere i tuoi obiettivi: se vuoi condividere con me i tuoi risultati, se hai bisogno di un buono sconto per avere del credito gratuito su Ads per i tuoi test o semplicemente desideri avere un mio parere, ti aspetto nei commenti qui sotto! 🙂

Commenta questo post

Jole Torre

Jole Torre

Online Advertising Specialist di Be-We srl

Nata a Messina, vive a Cagliari dal 2015.
Curiosa, appassionata di Internet e dei suoi intricati meccanismi, ha un debole per Google.

Ha lavorato per diverse realtà: Toscana, Piemonte, Sicilia, Sardegna. In queste città ha maturato circa 10 anni di esperienza in SEO e Online Advertising.
Oggi è socia e responsabile dell’area Web Advertising in Be-We Srl.

2 Comments

giovanna 13 maggio 2019

grazie Jole, articolo molto interessante.
ma come capire che budget investire se è la prima volta? ci sono dei tariffari?
come sapere qual’è il costo contatto nel mio settore (piccolo hotel?)

Rispondi
Jole Torre
Jole Torre 28 giugno 2019

Cara Giovanna,
in realtà non esistono dei tariffari, né una regola generale che vada bene per tutti (purtroppo!) perché dipende da cosa esattamente vuoi sponsorizzare, per quanto tempo, in quale periodo e quanta concorrenza c’è. Va inoltre considerata la qualità degli annunci e della pagina di destinazione, fattore che non va per niente sottovalutato.
Inizialmente si fa quasi sempre riferimento al keyword planner di Google (https://ads.google.com/intl/it_it/home/tools/keyword-planner/) che ci offre una panoramica di tutto ciò che potrebbero essere le ricerche correlate e il relativo costo per clic. Ovviamente toccherà mettere il relazione questi dati con il CTR (percentuale di clic sull’annuncio) previsto (possiamo fare più ipotesi, in tal senso). Diciamo che una formula utile potrebbe essere questa: media delle ricerche mensili * CTR stimato * CPC medio.
In questo modo è possibile fare un’ipotesi di quello che potrebbe essere il budget minimo/massimo per le tue campagne.
In bocca al lupo 🙂
Jole

Rispondi

Inserisci un commento