Cos’è la Lead Generation e come utilizzarla?

Articolo scritto da Argomento: Strategie di marketing 0 Commenti

Lead Generation come utilizzarla
Tempo di lettura: 4 minuti

Quando si parla di Lead Generation ci si riferisce alle azioni e strategie di marketing mirate all’acquisizione di contatti davvero interessati ai nostri servizi, ai nostri prodotti, al nostro business. Oggi le piccole e le grandi aziende hanno finalmente compreso come la presenza online sia fondamentale per intercettare potenziali clienti: siti web, social media, email marketing, SEO, sono solo alcuni strumenti utili allo scopo.

Dopo aver raggiunto un utente interessato a ciò che abbiamo da offrire, come si trasforma in un potenziale cliente? Continua a leggere!

Cos’è un Lead?

Iniziamo dal principio e cerchiamo di capire che cos’è un lead. È molto semplice: quante volte ti è capitato di registrarti ad una newsletter per ricevere uno sconto, oppure ha lasciato i tuoi dati per ricevere aggiornamenti su qualcosa a cui sei interessato? Ecco, una volta rilasciati i tuoi contatti, per quell’azienda sei diventato un Lead a tutti gli effetti 🙂 Complimenti!

Il Lead è quindi un utente, presumibilmente interessato al prodotto o al servizio offerto, che ha trasmesso i suoi dati all’azienda compilando un modulo online. In questo modo l’azienda potrà stilare una lista di Lead per poterli convertire in clienti finali attraverso apposite tecniche di marketing.

Stilare una corposa lista di Lead non è un’azione da poco, perché gli utenti devono essere in qualche modo “convinti” a rilasciare i dati o la propria e-mail: per questo motivo è necessario pensare ad un’attenta e curata strategia di Lead Generation Marketing utilizzando tutti gli strumenti di advertising e di acquisizione presenti online.

strumenti lead generation

Quali sono gli strumenti per fare Lead Generation?

Non perdiamo tempo e andiamo subito al sodo!

Per dare inizio alla tua generazione di lead hai bisogno di specifici strumenti per generare il traffico, acquisire e profilare i contatti.

Ecco i principali:

  • Blog aziendale: avere un blog significa poter creare dei contenuti di valore che puoi condividere con gli utenti che visitano il tuo sito. Quando parliamo di contenuto di valore si intende un qualcosa che sia davvero importante per il lettore e che gli permetta di imparare qualcosa che prima non conosceva.
    La Lead Generation passa attraverso il blog con il più classico dei form… quello per l’iscrizione alla newsletter! Se i tuoi contenuti saranno interessanti, potresti ottenere un buon numero di iscritti e fedeli lettori che vorranno essere costantemente aggiornati.
  • Ottimizzazione SEO: quando si fa SEO si svolge un’attività per ottimizzare il proprio sito e renderlo visibile e riconosciuto dai motori ricerca per specifiche parole chiave. L’obiettivo è quello di posizionare il tuo sito nei primi risultati di ricerca: ci vorrà tempo e costanza (sì hai letto bene, tempo e costanza!), non demordere. 🙂
  • Facebook: al momento il maggior social network con più numero di utenti, quindi perché non sfruttarlo? Inserire contenuti che stimolino all’interazione ma che soprattutto invitino l’utente all’azione, quindi con una chiara e diretta call to action che ti permetta di acquisire Lead.
    Ad esempio, il bottone “Scopri di più” che avrai sicuramente notato scorrendo i post della news feed di Facebook, se cliccato ti rimanderà alla landing page con il form da compilare.
  • Contenuti in regalo: cosa c’è di meglio che ricevere un regalo? In molti utilizzano questo metodo per ottenere in cambio i contatti degli utenti e quindi aumentare il numero di Lead della propria lista. Puoi regalare un video corso, un e-book, un tutorial, un intero corso, un webinar, insomma, hai davvero l’imbarazzo della scelta: quello che conta è il contenuto che deve essere davvero interessante tanto da convincere l’utente a compilare il form per effettuare il download del regalo.
Leggi anche:  Le fondamentali attività di Digital marketing per la tua azienda

Lead Nurturing come si fa

Dalla Lead Generation alla Lead Nurturing

Le strategie di Lead Generation sono spesso il frutto di obiettivi di breve periodo, mirate all’acquisizione di contatti e immediata trasformazione da Lead a cliente. In realtà, una prospettiva da prendere seriamente in considerazione è quella sul medio/lungo periodo, dove i contatti ottenuti non diventano subito consumatori, ma vanno “curati” e coccolati prima di diventare effettivi clienti.

In questo caso, la Lead Generation è solo il primo passo di un percorso ben più lungo che può però portare a clienti fidelizzati e ad un ritorno sull’investimento (ROI) maggiore di quello che potresti ottenere nel breve periodo.

Parliamo quindi di Lead Nurturing per i contatti raccolti che, con il passare dei mesi, ti servirà a costruire relazioni con le persone, fidelizzarle e far sì che scelgano sempre i tuoi prodotti e servizi più e più volte. È quindi una sorta di accompagnamento del potenziale cliente verso l’acquisto.

Ricordati che il mercato diventa sempre più competitivo e i potenziali clienti si aspettano ormai una comunicazione sempre più personalizzata e cucita su misura, quindi è compito dell’azienda sfruttare i diversi canali per creare relazioni e trasmettere fiducia.

Le persone sono costantemente bombardate da promozioni e tanto altro, non farlo anche tu a caso e senza riflettere 🙂

Come fare Lead Nurturing?

Per prima cosa:

  • Impara a conoscere il tuo pubblico: ora che hai la tua lista di Lead, analizzali e segmentali seguendo i parametri che ritieni più opportuni. Suddividili quindi in sottocategorie per inviare loro delle comunicazioni mirate.
  • Sfrutta la multicanalità: per creare un rapporto con i contatti ottenuti puoi veicolare l’informazione attraverso blog, social media, email marketing, creando così un dialogo tra azienda e lead.
  • Definisci gli obiettivi: non esiste solo la vendita come unico obiettivo. Puoi decidere di volere informare il lead sulla qualità del tuo prodotto/servizio, puoi fare brand awareness (aumentare la conoscenza del brand), o ancora, trasformare i lead in promotori della tua attività. Il lead può non aver ancora acquistato nessun tuo prodotto o servizio, ma può ugualmente considerarti un serio professionista tanto da consigliarti alla sua rete di contatti.
Leggi anche:  Spiare i competitor: ecco come fare!

Siamo alle battute finali: oggi abbiamo visto cos’è un Lead, cosa si intende con Lead Generation e come “nutrire” e “curare” i lead ottenuti per portarli all’acquisto e alla fidelizzazione.

È una strada lunga, è vero, ma il risultato può davvero portare a ottimi risultati, quindi perché non provare a percorrerla?

Hai già provato a fare Lead Generation? Hai qualcosa in mente, ma non hai la certezza che sia la strategia giusta? Scrivilo nei commenti, ti risponderò il prima possibile per darti la mia opinione e magari qualche utile consiglio!

Commenta questo post

Hai bisogno di nostra consulenza per il tuo sito o per il tuo e-commerce? Contattaci:









Accetto la Privacy Policy

Filippo Sogus

Filippo Sogus

CEO di Be-We srl & SEO Specialist

Filippo è SEO Specialist di professione, esperto in tecniche SEO nel settore e-commerce, editoriale e turistico. Segue diverse aziende nazionali, leader del mercato e investimenti sul web.

Grazie alla collaborazione con numerose aziende e all’esperienza SEO maturata in diversi settori, Filippo sfrutta i motori di ricerca per incrementare il fatturato delle aziende.

Inserisci un commento