Articolo scritto da Argomento: SEO e posizionamento sui motori 0 Commenti

A cosa servono i Rich Snippet
Tempo di lettura: 3 minuti

Google offre numerosi strumenti per migliorare la visibilità online del nostro sito e poter acquisire un gran numero di potenziali clienti interessati al nostro prodotto o servizio.

Una buona strategia SEO non può quindi sottovalutare l’importanza dei Rich Snippet, uno “strumento” molto popolare, ma allo stesso tempo molto sottovalutato, che è in grado di catturare immediatamente l’attenzione dell’utente che effettua una ricerca su Google.

Giocano un ruolo importantissimo anche per quelle parole chiave con cui non sei posizionato ai primissimi posti su Google, e per questo ho deciso di spiegarti a cosa servono i Rich Snippet e come devi utilizzarli.

Cosa vuol dire Rich Snippet

Snippet è un termine inglese che letteralmente possiamo tradurre come frammento o ritaglio. Dal punto di vista SEO e soprattutto da ciò che si vede nella SERP di Google quando viene svolta una ricerca, lo snippet altro non è che un’anteprima di un sito riportata in SERP.

Ogni snippet presenta un Title, una URL e una meta-description.

Ora che sai cos’è uno snippet, parliamo di Rich Snippet, ovvero di come viene arricchito il classico snippet e come può esserti utile per una strategia SEO.

Il Rich Snippet aggiunge un qualcosa in più al classico snippet, implementando elementi ed informazioni aggiuntive come stelline, valutazioni, recensioni, prezzi, video ecc. Queste ulteriori informazioni vengono fornite direttamente dalla pagina web al motore di ricerca, attraverso delle ottimizzazioni al codice e grazie un di “vocabolario di comunicazione” tra pagina e motori di ricerca (non solo Google).

Esempi di Rich Snippet

I Rich Snippet sono indicati soprattutto per descrivere determinate tipologie di contenuti presenti sul tuo sito, e se effettui più ricerche su Google noterai che esistono modelli di Rich Snippet più popolari rispetto ad altri. Ecco alcuni esempi:

  • Recensioni e valutazioni: le recensioni, come ho descritto in questo precedente articolo, sono fondamentali per gli e-commerce, ma anche per qualsiasi altro sito web che offre qualcosa agli utenti. Sono importanti soprattutto perché forniscono una sorta di “validazione sociale” che fa subito presa sulle persone e stimolano, ad esempio, l’acquisto.
  • Prezzi: l’inclusione di prezzi, in particolare se concorrenziali, può essere una manovra vincente per offrire un qualcosa in più rispetto ai tuoi competitors. Quando gli utenti cercano dei prodotti, molto spesso si fanno condizionare dai prezzi e tendono a confrontare i prodotti proprio in base al prezzo. Se il prezzo viene mostrato già nella SERP attraverso i Rich Snippet, le persone potrebbero effettuare già una scelta.
  • Ricette: per chi lavora nel settore food, magari con blog ricette e quant’altro, Google fornisce la possibilità di mettere degli snippet che rimandano a pagine di ricette, con tanto di immagine posta accanto all’url e alla descrizione della ricetta.
  • Eventi: questa tipologia di Rich Snippet fornisce molte informazioni in più rispetto ai più comuni snippet, quindi ritaglia uno spazio più ampio in SERP occupando più righe e fornendo una lista che riporta, oltre ai nomi dei vari eventi, anche il luogo e la data.
Leggi anche:  Ecco come velocizzare un sito web

I vantaggi SEO dei Rich Snippet

Come anticipato, i Rich Snippet sono rilevanti in ottica SEO, non tanto per un effettivo posizionamento del sito web, ma fanno parte di una più ampia strategia che mira comunque a posizionare il tuo sito web nel tempo.

Vediamo quali sono gli effettivi vantaggi:

  1. Aumentano il CTR: i Rich Snippet forniscono informazioni in più rispetto ai comuni snippet, quindi si fanno notare rispetto ai più comuni snippet. Se il tuo sito implementa i Rich Snippet, inevitabilmente emergerà rispetto ai siti dei tuoi competitors. Fornendo subito determinate informazioni, l’utente gradirà molto di più ricevere subito le informazioni che sta cercando e quindi sarà più propenso al click. Inoltre potrebbero essere un bel elemento di richiamo per l’occhio, quindi anche se il tuo sito non si posiziona al primo posto per quella query di ricerca, ci sono comunque buone probabilità che l’occhio di chi effettua la ricerca punti sul tuo risultato, facendoti guadagnare un bel click!
  2. Authority: Google dà molto peso alla qualità dei contenuti e soprattutto al CTR che, come abbiamo visto, può essere migliorato anche grazie ai Rich Snippet. Quindi un CTR più alto avrà effetto sul ranking e sull’autorità guadagnata dal sito nel tempo, migliorandone anche il posizionamento.

In conclusione, ti ho voluto chiarire il significato di Rich Snippet fornendoti alcuni esempi di applicazione, quindi ora non ti resta che far applicare dal tuo SEO o dal tuo sviluppatore tutte le ottimizzazioni con schema.org (il vocabolario di cui ti parlavo prima) e puntare all’ottenimento di questi Rich Snippets in SERP .

Fammi sapere come li hai impostati e i risultati che hai ottenuto! 🙂

Leggi anche:  Cos'è la Local SEO?

Commenta questo post

Filippo Sogus

Filippo Sogus

CEO di Be-We srl & SEO Specialist

Filippo è SEO Specialist di professione, esperto in tecniche SEO nel settore e-commerce, editoriale e turistico. Segue diverse aziende nazionali, leader del mercato e investimenti sul web.

Grazie alla collaborazione con numerose aziende e all’esperienza SEO maturata in diversi settori, Filippo sfrutta i motori di ricerca per incrementare il fatturato delle aziende.

Inserisci un commento