LinkedIn: consigli su come curare la presenza online

Articolo scritto da Argomento: Social Media Marketing 0 Commenti

LinkedIn: consigli su come curare la presenza online
Tempo di lettura: 3 minuti

Curare la presenza online è come curare il proprio aspetto prima di uscire di casa. Quanto tempo dedichi alla routine quotidiana? Scegli con cura i vestiti da mettere, sistemi con attenzione i capelli e ti accerti che sia tutto in ordine prima di affrontare il mondo fuori dalle mura di casa? E quanto tempo dedichi alla cura della presenza digitale? Il web ti permette di raggiungere in un attimo tante persone e questo dovrebbe bastarti per capire quanto conta curare la tua immagine.

Se sei arrivato fino a qui è perché hai deciso di distinguerti da tanti professionisti e sei pronto a dedicare il giusto tempo a una parte importante della tua professionalità. Se ci pensi bene, quando un cliente o un’azienda vuole saperne di più su di te, la prima cosa che fa è cercare il tuo nome online, su Google o su LinkedIn. Ti suggerisco di fare un test e provare a cercarti online per analizzare i risultati ottenuti e capire su cosa devi lavorare.

Oggi voglio darti qualche consiglio su come curare il tuo profilo LinkedIn e migliorare la tua presenza online.

Come curare la propria immagine su LinkedIn

Non perdiamoci in chiacchiere, ogni secondo trascorso qui è un secondo in cui il tuo profilo non ottimizzato viene visualizzato nelle ricerche di altri utenti. L’obiettivo di chi ha un profilo su questo social network è quello di essere contattato, o contattare, e collegarsi con altri professionisti con i quali instaurare un legame lavorativo. Alla base del funzionamento vi è la costruzione di una relazione ed ecco perché è importante curare la propria presenza digitale.

Per ottenere la giusta visibilità, la prima cosa da fare è: farsi trovare.

Le ragioni che spingono un utente a cercarti sono principalmente due:

  1. ti ha conosciuto personalmente oppure ha sentito parlare di te e vuole entrare in contatto per saperne di più sul tuo lavoro e sulla tua azienda. Attenzione, ricorda che il profilo LinkedIn appare nelle ricerche su Google quando un utente cerca il tuo nome e cognome.
  2. è alla ricerca di un professionista di settore. In questo caso la ricerca sarà fatta con termini chiave che identificano la professione e per questo è estremamente importante raccontarsi con le parole giuste.

Per rendere impeccabile il tuo profilo devi avere una strategia. Pensa a cosa può cercare un utente che desidera entrare in contatto con te, quali sono le sue aspettative e soprattutto, pensa a cosa può fargli esclamare: questa è proprio la persona/l’azienda che stavo cercando!

Bene, a questo punto, devi cercare di mantenere un lato umano e ispirare fiducia e credibilità. È vero, LinkedIn è una piattaforma professionale, ma è necessario non apparire freddo e impostato. Se hai pensato di caricare una lista infinita di titoli accademici e di mansioni svolte fin dagli albori, non farlo. Seleziona le esperienze degne di nota, quelle che ti hanno segnato particolarmente e che possono dare maggiore rilievo al tuo profilo. Concediti un po’ di spazio per parlare delle tue passioni e e dei tuoi hobby, c’è sempre una vita dopo il lavoro e solitamente queste attività ci permettono di parlare di skills di valore che non sempre vengono messe in luce dalle esperienze lavorative.

Come farsi trovare sul LinkedIn

Veniamo ora alle impostazioni che ci permettono di configurare il profilo in modo tale da essere trovati dalle persone giuste. Per prima cosa devi renderlo pubblico, si tratta di un’operazione piuttosto semplice che puoi impostare nella sezione Privacy sotto la voce Account.

LinkedIn ti permette di scegliere se mostrare il tuo profilo tra i risultati quando un utente visita profili simili al tuo o con le stesse parole chiave. Questa opzione ti permette di avere maggiore visibilità che però, se fai parte di un settore molto competitivo, potrebbe ritorcersi contro poiché l’utente viene informato di altre persone che offrono servizi come il tuo.

Se sei il titolare di un’azienda e hai compilato il tuo profilo inserendo il link della pagina aziendale nella sezione notizie, puoi aumentare la visibilità tua e della tua azienda quando vai a interagire con contenuti di settore.

Una buona ragione per mantenere il profilo privato invece è quando ad esempio vuoi spiare i tuoi competitor senza rendere nota la tua visita.

Mantieni le relazioni

Questo punto è estremamente importante quando si parla di immagine digitale. Le relazioni sono alla base di una buona presenza sia online che nella vita privata. Coltiva il legame virtuale ringraziando le persone con cui hai collaborato, inviando segnalazioni, raccomandazioni e conferma le competenze acquisite. Questi comportamenti sono importanti per comunicare la stima verso persone che hai conosciuto e con cui hai lavorato. Inoltre, le segnalazioni e le raccomandazioni vengono mostrate anche nel tuo profilo e ti permettono di avere un importante ritorno di immagine.

Curare la presenza su LinkendIn è solo un tassello di una strategia più ampia. In generale tutte le piattaforme social hanno lo scopo di costruire la tua reputazione online. In base al settore in cui operi ci sono canali più adatti e in grado di rafforzare la tua identità digitale.

Hai bisogno di aiuto per migliorare la reputazione online azienda? Possiamo aiutarti: contattaci per una consulenza gratuita!

Commenta questo post

Hai bisogno di nostra consulenza per il tuo sito o per il tuo e-commerce? Contattaci:









Accetto la Privacy Policy

Laura Serrenti

Laura Serrenti

Social Media Manager di Be-We srl

Appassionata di viaggi, serie tv e strategie di comunicazione. Dopo una Laurea in Comunicazione e Psicologia presso l’Università degli Studi Milano Bicocca, decide di tornare in Sardegna, la sua amata terra, per iniziare il suo percorso lavorativo alla scoperta del Digital Marketing, in particolare i Social Media.

Grazie all’esperienza coltivata lavorando in diverse realtà aziendali oggi si dedica ai diversi progetti con passione ed entusiasmo.

Inserisci un commento