Analizzare i Competitor online prima dell’avvio di un progetto online

Articolo scritto da Argomento: Strategie di marketing 0 Commenti

Analizzare i Competitor online prima dell'avvio di un progetto
Tempo di lettura: 4 minuti

Analizzare i tuoi competitors online è una delle prime fasi che anticipano l’avvio di un progetto, sia esso un e-commerce o un qualsiasi altro sito. Sebbene sia molto importante svolgere un’attenta analisi per creare la strategia di marketing adeguata, spesso questo step viene sottovalutato o poco considerato.

In realtà è un’attività complessa, che richiede una buona dose di analisi e un continuo monitoraggio nel tempo per capire come i competitors modificano e adattano la loro presenza online.

Vediamo insieme tutti i passaggi da seguire per una buona analisi dei tuoi concorrenti online!

Definisci il mercato

Se non sappiamo in quale mercato operiamo non possiamo individuare i relativi competitors. Sembra scontato ma in realtà capita di frequente che vengano prese in considerazione delle aziende che in realtà non sono competitors, ma semplicemente operino in mercati simili.

Quindi il primo passo è individuare online le keyword adatte al nostro business, così da individuare facilmente con una semplice ricerca su Google eventuali siti di brand in competizione con noi (almeno a livello di SERP).

Per effettuare una buona ricerca e definire il mercato consiglio di lavorare su parole chiave a coda lunga, quindi non generaliste ma più dettagliate. In questo modo faremo già una prima scrematura e andremo ad individuare reali competitors posizionati per chiavi molto specifiche.

Strategia di parole chiave

Il secondo passo di un’analisi dei competitors è sicuramente quello di catalogare le parole chiave individuate (sfruttate dagli altri concorrenti) ordinandole in base alle priorità che sono utili al nostro progetto. Non solo per creare un ordine che ci sarà utile in futuro quando andremo a monitorarle nel tempo, ma anche in ottica di una strategia SEO per il posizionamento del sito, per i contenuti da inserire nel nostro sito o per la creazione di un piano editoriale per il nostro blog aziendale.

Per poter ordinare bene le keywords, ti consiglio di selezionare quelle con maggior traffico di ricerca e con un CTR alto. In questo senso possono esserti utili tantissimi tool, io ti consiglio Semrush, SEO Zoom e il Keyword Planner di Google che possono facilitarti tantissimo questo lavoro e soprattutto restituirti degli ottimi risultati di analisi.

Analisi dell’user experience

Un’analisi dei competitors non può prescindere dallo studio e dell’analisi dell’user experience: di norma, inizialmente, è sempre bene “testare” il nostro sito rivale per capire quali sono i punti forte e quali, invece, i malus che il sito presenta. Ancora meglio, l’occhio di un utente inesperto ci aiuterà a vedere cose che la nostra esperienza professionale nel settore può, spesse volte, nasconderci.

Leggi anche:  Marketing locale per aziende agricole: i nostri consigli

Analizzando l’user experience e il modo in cui viene guidato l’utente, ad esempio, nel processo di acquisto, ci aiuterà a comprendere come poter creare il nostro, come migliorarlo e come facilitare la conversione.

La prima cosa da fare è controllare e studiare come il sito è stato organizzato a livello di struttura, verificare in che modo si possono raggiungere le pagine e le sezioni più rilevanti del sito, partendo dall’homepage: percorso lungo, percorso corto, intuitivo, difficile, complicato, annotiamoci tutto e studiamo! Altra cosa che puoi fare è vedere come sono connesse tutte le pagine del sito e con che logica vengono correlati i prodotti tra loro.

Generalmente, quando viene creato un sito web, soprattutto se un e-commerce, c’è sempre uno studio dietro, quindi è importante capire quello adottato dal nostro competitor per poterlo migliorarlo ed implementarlo sul nostro sito.

Analisi dei backlinks

In ottica SEO è molto importante analizzare i backlinks dei tuoi competitors. Tool specifici come aHrefs, SemRush o SeoZoom sono indicati per scovare i backlinks dei tuoi competitor, così da ottenerne di papabili e pronti per poter essere utilizzati anche per il tuo progetto.

Chi fornisce un backlink ad un sito che tratta il tuo stesso settore, è molto probabile che possa offrire un link di ritorno anche verso il tuo sito, dato che il settore è lo stesso.

Fai attenzione però: non tutti i link sono utili o autorevoli, alcuni aiutano il posizionamento, altri lo danneggiano, quindi occhio!

Analisi della comunicazione social

L’analisi dei competitors spazia anche nei social network, quindi è opportuno verificare sempre come comunicano e quanto sono presenti nei social media i nostri concorrenti.

La prima cosa da fare è individuare i canali in cui sono presenti, quali trascurano e soprattutto perché non li adoperano. In questo senso potremmo anche cercare di capire se ci sia una scelta voluta o semplicemente una loro mancanza che potremmo sfruttare a nostro vantaggio.

Leggi anche:  Social media marketing per la ristorazione: ecco alcuni tips

Non tutti i competitors sono in tutti i social, altri lo sono in tutti. Ognuno adotta la strategia più indicata per raggiungere gli obiettivi: il tuo compito è studiare la loro presenza nei social, vedere dove non sono presenti e valutare se sia possibile creare una strategia social nella piattaforma in cui il tuo competitor non è presente. Ad esempio. non tutti sono presenti su Youtube, nonostante abbia ormai acquistato nel tempo sempre più rilevanza.

Quando fai un’analisi social è importante non verificare unicamente il numero di followers o di mi piace; analizza invece il loro modo di comunicare e come sviluppano il rapporto con la loro community. Segna, studia, prendi spunto…ma non copiare!

Analici delle campagne a pagamento

Infine, non si può non studiare il modo con cui vengono sviluppate le campagne PPC dei nostri concorrenti. Le campagne a pagamento, siano esse su Adwords o su Facebook ADS, sono attività indispensabili per il nostro progetto online. Tuttavia, però, non è sempre facile capire come ottimizzare le campagne per portarle al successo.

Quindi, tanto per iniziare, analizziamo chi queste campagne le ha già svolte, cerchiamo di capire come vengono impostate dai nostri competitors, quali keywords vengono adoperate, quale messaggio e quale target viene intercettato e studiamo una strategia di campagne PPC per il nostro progetto.

E tu hai mai fatto un’analisi dei competitors, prima di lanciare online il tuo progetto? Se sì, scrivici quali altri fattori prendi in considerazione, se invece hai bisogno di una mano, contattaci! 🙂

Commenta questo post

Hai bisogno di nostra consulenza per il tuo sito o per il tuo e-commerce? Contattaci:









Accetto la Privacy Policy

Filippo Sogus

Filippo Sogus

CEO di Be-We srl & SEO Specialist

Filippo è SEO Specialist di professione, esperto in tecniche SEO nel settore e-commerce, editoriale e turistico. Segue diverse aziende nazionali, leader del mercato e investimenti sul web.

Grazie alla collaborazione con numerose aziende e all’esperienza SEO maturata in diversi settori, Filippo sfrutta i motori di ricerca per incrementare il fatturato delle aziende.

Inserisci un commento